Iscriviti alla Nostop-Newsletter: Lascia la tua email: 

 

 

Home page
News
Le nostre Mail
Documenti
La storia
Photogallery
L'inquinamento da cromo
Il quadro normativo
Le sentenze
La bonifica
Il comitato
La riqualificazione dell'area
Forum
Sostienici
Le nostre
iniziative presso
le Istituzioni


NPN
IL QUADRO NORMATIVO

R.D. 27 Luglio 1934, n. 1265 – Testo Unico delle Leggi Sanitarie   
Capo III: DELLE LAVORAZIONI INSALUBRI. 

  
  
ART. 216. Le manifatture e fabbriche che producono vapori, gas o altre esalazioni insalubri o che possono riuscire in altro modo pericolose alla salute degli abitanti sono indicate in un elenco diviso in due classi. 
La prima classe comprende quelle che debbono essere isolate nelle campagne e tenute lontane dalle abitazioni; la seconda quelle che esigono speciali cautele per la incolumità del vicinato. 
Questo elenco, compilato dal Consiglio superiore di sanità, è approvato dal Ministro per la sanità, sentito il Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, e serve di norma per l’esecuzione delle presenti disposizioni.
Le stesse norme stabilite per la formazione dell’elenco sono seguite per iscrivervi ogni altra fabbrica o manifattura che posteriormente sia riconosciuta insalubre. 
Una industria o manifattura la quale sia inscritta nella prima classe, può essere permessa nell’abitato, quante volte l’industriale che l’esercita provi che, per l’introduzione di nuovi metodi o speciali cautele, il suo esercizio non reca nocumento alla salute del vicinato. 
Chiunque intende attivare una fabbrica o manifattura compresa nel sopra indicato elenco, deve quindici giorni prima darne avviso per iscritto al sindaco, il quale, quando lo ritenga necessario per l’interesse della salute pubblica, può vietarne l’attivazione o subordinarla a determinate cautele.  
Il contravventore è punito con la sanzione del pagamento di una somma da lire 40.000 a lire 400.000. (per l’elenco delle industrie insalubri, vedi D.M. 5 settembre 1994).   

Art. 217. Quando vapori, gas o altre esalazioni, scoli di acque, rifiuti solidi o liquidi provenienti da manifatture o fabbriche, possono riuscire di pericolo o di danno per la salute pubblica, il sindaco prescrive le norme da applicare per prevenire o impedire il danno e il pericolo e si assicura della loro esecuzione ed efficienza. 
Nel caso di inadempienza il sindaco può provvedere di ufficio nei modi e termini stabiliti nel testo unico della legge comunale e provinciale.


<-- TORNA




Comitato NoStop per la tutela della Salute Pubblica e per la chiusura dello stabilimento Stoppani
CF. 95072330103 c/o Comune di Arenzano - Villa Maddalena, via Terralba, 77 - 16011 Arenzano (GE) 
Sede operativa: c/o Studio Lotorto, piazza Golgi, 19E - 16011 Arenzano (GE) Tel. 3357116484 - Fax 010.9131030
Web-site : www.nostop.info  - e-mail : info@nostop.info

Web production: Mediael